Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la navigazione nel web e offrire servizi in linea con le proprie preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento si acconsente all’uso dei cookie. Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie cliccare su "Maggiori informazioni"

Stampa

Venerdì 11 maggio 2018 ha avuto luogo, presso l’Aula Magna “Federica Cavallaro” dell’ITIS Giovanni XXIII, l’incontro finale del Progetto “Cara donna ti scrivo…”

L’iniziativa è stata patrocinata dall’associazione “Cultura&Solidarietà” di Milano, un’organizzazione senza fini di lucro che sostiene e divulga ogni espressione della cultura e della solidarietà, al fine di sensibilizzare l’opinione pubblica sui temi della valorizzazione di qualsiasi espressione della letteratura, dell’arte, della storia, della musica e delle arti visive.

Nel presente anno scolastico è stato individuato come particolarmente urgente e di rilevanza sociale il tema della condizione femminile nel mondo. L’obiettivo è stato quello di sensibilizzare gli studenti sul tema DONNA (madre, figlia, sorella, amica, professionista, sportiva, politica, Istituzione; figure rilevanti nella nostra società), coinvolgendoli in riflessioni e considerazioni che potessero rappresentare appieno i loro sentimenti.

Destinatari dell’iniziativa sono stati gli studenti di alcune scuole superiori di tutte le regioni italiani.

A rappresentare il Lazio è stato scelto l’ITIS Giovanni XXIII che, a sua volta, ha preso parte all’azione progettuale coinvolgendo due classi: la quarta Liceo delle Scienze Applicate e la quarta Relazioni Internazionali per il Marketing.

Ogni studente ha scritto una lettera ad una donna, reale o immaginaria, del presente o vissuta nei tempi passati, per riflettere sul lungo cammino fatto “dall’altra metà del cielo” nel corso dei secoli.

Le lettere più significative sono state raccolte in una pregevole pubblicazione, a cura e per conto dell’associazione “Cultura&Solidarietà” che ha voluto coronare tale lungo lavoro con un significativo evento finale, proprio all’ITIS Giovanni XXIII. A tale incontro hanno preso parte la prof.ssa Anna Oliverio Ferraris, odinaria di psicologia dello sviluppo presso l’università Sapienza di Roma e autrice di saggi, articoli scientifici in cui affronta i principali problemi dell’età evolutiva, il dr Francesco Vivacqua e la dott.ssa Nadia Mazzon, rispettivamente presidente e responsabile dell’associazione “Cultura&Solidarietà” e due illustri rappresentanti del mondo dello sport: l’avv. Mauro Balata, presidente della Lega Nazionale Calcio Professionisti serie B e il dott. Roberto Fabbricini, commissario straordinario FIGC.

Insieme agli studenti sono state ripercorse le tappe più significative delle conquiste femminili ed è stato analizzato, in particolare, il ruolo della donna nel mondo dello sport. A questo proposito i relatori hanno spronato i giovani presenti a tenere sempre alta la guardia affinchè le conquiste fatte dal mondo femminile non regrediscano e non siano vanificate ed hanno invitato le ragazze a non temere di abbracciare anche professioni e ruoli tradizionalmente riservati agli uomini come, ad esempio, mestieri tecnici, professioni impegnative e che richiedano particolare dedizione e responsabilità. Gli ospiti presenti hanno infine auspicato un sempre maggiore coinvolgimento delle donne in tutti i campi del sociale e in particolare, per quanto riguarda lo sport, l’impegno a diventare non solo atlete, ma anche arbitri, giudici di gara, calciatrici e a ricoprire ruoli amministrativi e dirigenziali nel settore sportivo. Gli studenti, a loro volta, sono intervenuti nella discussione ampliando la tematica proposta fino a toccare temi di urgente attualità, quali il femminicidio, la violenza di genere, il ruolo decisivo dell’educazione nella formazione di stereotipi, la condizione femminile nelle varie società attuali, ecc . Dall’intero incontro è emerso un grandioso affresco del cammino compiuto dalle donne, cammino costellato di luci e di qualche ombra, vittorie ed arresti ma, comunque, un cammino vincente ed esaltante che, però, come sostenuto dalla prof.ssa Anna Oliveiro Ferraris, è un percorso sempre aperto, in cui non bisogna abbassare la guardia, poiché “tornare indietro è sempre possibile!” . L’invito, quindi, a tutti i giovani è quello di continuare ad avanzare, mantenendo le posizioni faticosamente conquistate dalle mamme e dalle nonne!